Il vulcano Etna
log in

NEWS

fisi

Il vulcano Etna

Vota questo articolo
(0 Voti)

L'Etna come vulcano è una risorsa naturale di rara bellezza per la Sicilia, l'Italia, il mondo. Come montagna è un rilievo di assoluto rispetto, il monte più alto del centro-sud Italia con la sua altezza variabile a causa delle eruzioni che oscilla intorno ai 3320-3350 metri. In molti ghiacciai europei si scia ad altitudini inferiori. La sua collocazione sovrastante il golfo di Catania e dunque la sua vicinanza al mare rendono ancor più imponente e affascinante il suo aspetto e attira ogni anno centinaia di migliaia di visitatori da tutto il globo. L'immaginario comune di un vulcano richiama alla mente ambienti ostili e privi di vegetazione. Ma queste condizioni si ritrovano solo oltre i 2000-2500 metri sull'Etna. Nelle fasce intermedie del vulcano si ritrova un ambiente florido e ricco di vegetazione che permette meravigliose escursioni. In questa sezione cerchiamo di fornire una guida al miglior "utilizzo" e conoscenza di questa risorsa, sia come vulcano, sia come montagna e riserva naturale.

La geologia

L'Etna è il vulcano attivo più grande d'Europa. Il territorio occupato da questa maestosa "montagna" è di 1260 Km² per un altezza massima dei crateri sommitali di circa 3330 metri s.l.m. (altezza variabile in funzione delle eruzioni). Sembrerà inverosimile, ma questo immenso "monte" sorse dal mare. Infatti dove oggi sorge imponentemente l'Etna, un tempo vi era il mare. Le prime attività di tipo vulcanico iniziarono sotto il mare circa mezzo milioni di anni fa (Pleistocene superiore); con il tempo il materiale eruttato andava riempiendo questo ampio golfo che, i geologi stimano, si estendeva da circa Taormina al porto di Catania lambendo i monti Nebrodi nell'attuale zona di Bronte. Inizialmente il magma fuoriusciva da più punti in quanto non esisteva un "edificio" vulcanico; solo quando la lava si sovrappose sopra il livello del mare, il vulcano cominciò a prendere una forma. L'accumulo del materiale magmatico e il successivo sollevamento tettonico hanno permesso all'Etna di essere oggi uno dei rilievi più alti della penisola italiana. L'aspetto attuale del vulcano è il risultato di un evento esplosivo che risale a circa 14000 anni fa e della successiva edificazione dello stratovulcano conosciuto con il nome di Mongibello. L'Etna attualmente ha quattro crateri sommitali attivi (Cratere di Sud-Est, Bocca Nuova, Voragine e il Cratere di Nord-Est) e numerose bocche eccentriche (circa 350).

I nomi del vulcano

Sono numerosi i nomi che l'uomo nella storia ha attribuito a questo splendido vulcano. Etna non è un termine siciliano in quanto non armonizza con le disposizioni fonetiche del dialetto regionale. Il termine potrebbe derivare dal verbo greco Aitho che significa bruciare o fiammeggiare, quindi montagna di fuoco. Altro nome, oggi meno usato, è Mongibello, che non significa Monte Bello come erroneamente molti pensano, infatti questo termine deriva dal latino "Mons" e dall' arabo "Gibel" (montagna); i dominatori arabi rimasero stupiti dalla maestosità del vulcano e cosi pensarono di chiamarlo il Monte, come per dire la montagna per eccellenza. I siciliani sentendo nominare spesso la parola Gibel agli invasori si convinsero che questo fosse il nome del vulcano e dunque si abituarono a chiamarlo Mons Gibel. Tuttavia le popolazioni etnee e i catanesi della nostra epoca preferiscono chiamare il vulcano "a muntagna", termine che in sé racchiude il rapporto di riverenza, ma anche di rispetto e gratitudine, che l'Etna instaura spontaneamente coi "figli" della sua terra.

Ultimo aggiornamento:Giovedì, 17 Novembre 2016 19:45

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.